2. History of an Underdog, Chapter 1: Mikey Whipwreck vs. Jason

whipjasfeud

Spesso accade, in ogni genere di sport, di arrivare a tifare non tanto per il vincitore, affermato e forte, quanto più per il perdente, affinché questo si prenda la sua personale rivincita, realizzando quello che è definito un upset, un ribaltamento inatteso dell’esito dell’incontro, una vittoria dell’atleta sfavorito in partenza.

La genialità di un booker come Paul Heyman sta anche in questo: prendere un ragazzo qualunque, che si avvicina alla disciplina in giovane età (da varie interviste risulta che fosse stato proprio Paul E ad avvicinarlo al wrestling lottato, da semplice membro dello staff, dopo averne visto alcune manovre aree prima dei live events), farlo debuttare e, in breve tempo, fargli scalare le gerarchie della federazione, prendendosi soddisfazioni personali come vittorie di prestigio e titoli.
Certo, l’abilità non era tutta dalla parte del giovane Whipwreck, il quale però poteva contare su una grandissima forza di volontà, ed è forse proprio questo che ha spinto Heyman a puntare sul ragazzo.

L’inizio non è sicuramente dei migliori per Whipwreck, il quale passa praticamente un anno a fare il jobber ad atleti più grossi e affermati di lui, come Mr. Hughes, 911, Kevin Sullivan, Public Enemy, ecc.., spesso in coppia con un altro giovane che ha seguito il suo stesso percorso (da membro dello staff a lottatore), Paul Lauria, a cui il destino però non riserverà lo stesso trattamento fatto a Mikey.

[2.1] The Turning Point

Quando tutto sembra fermo e senza nessuno spunto giusto per emergere, accade l’impensabile (e con Whipwreck abituatevi all'”impensabile”).  Tutta la vicenda ruota intorno all’ECW Television Title ed al suo possessore, Pitbull, il quale, dopo aver conquistato l’ambita cintura, surclassando l’ex campione JT Smith con il supporto del manager Jason, inizia una feroce rivalità con un altro atleta “animalesco”, The Tazmaniac.

Durante un live event della ECW, precedente all’evento When Worlds Collide, e poi trasmesso nell’episodio ECW TV #56, il campione viene inserito in una della sue prime difese titolate proprio contro il giovane Whipwreck e tutto sembra andare per il verso giusto, almeno fin quando non sbuca dal backstage Tazmaniac, il quale sale sull’apron ring ed atterra Pitbull; Whipwreck è ancora KO per i devastanti colpi subiti durante il match ma ha la forza necessaria per appoggiare un braccio sull’avversario a terra; l’arbitro procede con il conteggio ed incredibilmente arriva fino al 3, decretando Mikey vincitore e nuovo campione televisivo. La ECW Arena si trasforma: da un clima di incredulità generale, si passa subito ad un boato gioia e celebrazione del nuovo TV Champ, che diventa uno dei personaggi più over della federazione.

La vittoria del titolo trasforma il personaggio di Mikey: da jobber diventa il più classico degli underdog, capace di un’impresa che ha del clamoroso. Nelle settimane successive viene dedicato ampio spazio a Whipwreck, con le sue celebri interviste fuori dal ring dove mantiene quel profilo di giovane intimorito dagli avversari più grossi e cattivi di lui, un po’ titubante nella parlata ma sempre fiero di essere il campione televisivo e sempre pronto a difendere quella cintura, accompagnato da una theme song perfetta per lui, Loser di Beck.

Nell’episodio subito successivo alla sua inaspettata vittoria (ECW TV #67), Mikey viene inserito nella sua prima difesa titolata con un avversario veramente tosto, l’ex ECW Tag Team Champion Kevin Sullivan: il match non è un granché ma riprende sempre il solito filo conduttore del precedente titolato, con Mikey che viene sbattuto a destra e a manca senza poter opporre la minima reazione, riuscendo a mantenere la cintura solo per DQ, chiamata dall’arbitro per l’eccessiva violenza mostrata dallo sfidante.

Nell’episodio ECW TV #59 avviene un nuovo scontro con un altro membro della crew di Jason, Mr. Hughes, ed anche qui abbiamo un totale squash del gigantesco bodyguard, con un’ulteriore vittoria per squalifica di Whipwreck, anche stavolta per eccessivo accanimento dell’ex atleta WCW e WWF, il quale non ubbidisce ai continui richiami dell’arbitro e mette a segno addirittura la propria finisher, la Spinning Side Slam, per ben 3 volte.

Si profila all’orizzonte, quindi, l’atteso rematch titolato contro Pitbull, che nel frattempo non ha ancora risolto con Tazmaniac, ma punta ad arrivare allo scontro decisivo, fissato per Hostile City Showdown, con la cintura alla vita, aiutato da Jason e dagli altri suoi clienti. Nell’episodio ECW TV #61 va in scena lo scontro tra Mikey e Pitbull ed il copione è sempre il solito, con lo sfidante che massacra di botte il povero campione, arrivando addirittura a vincere il titolo dopo averlo fatto svenire con una Full Nelson, salvo poi farsi rigirare la decisione finale dall’arbitro per non aver voluto mollare la presa anche dopo la fine del match. Pitbull, insieme agli altri clienti di Jason, continua il pestaggio del campione televisivo, finché non giunge in soccorso di quest’ultimo The Tazmaniac, che però può poco in inferiorità numerica.

Arriviamo quindi ad Hostile City Showdown, con Whipwreck impegnato in una nuova difesa titolata, ancora una volta contro un cliente di Jason, The Rockin’ Rebel. L’incontro procede con il solito canovaccio solo anche verso la fine abbiamo un guizzo inaspettato del campione che colpisce più volte il manager Jason, il quale era presente a bordo-ring per assistere il proprio cliente ed era diventato parte integrante dell’incontro in alcuni frangenti con alcune scorrettezze ai danni del campione. L’incontro finisce con la solita vittoria per DQ ed il consueto pestaggio nel post-match, ma questa improvvisa reazione di Mikey sarà un altro punto importante della storyline ed avrà ripercussioni sul regno da campione televisivo dell’ECW’s favourite underdog.

[2.2] Mikey vs. Jason’s Crew

Come ho prima sottolineato, Whipwreck è arrivato a colpire Jason e questo cerca da subito la vendetta nei suoi confronti, mandandogli contro il nuovo acquisto del suo team, Pitbull #2, in un match titolato dell’episodio ECW TV #63. Altro squash e completo dominio del secondo Pitbull ma ancora una volta Mikey riesce a colpire il manager, il quale cercava un colpo scorretto dall’apron. Il titolo non passa di mano, perché poco dopo interviene anche l’altro Pitbull (#1) e scatta la solita squalifica; c’è però da segnalare il pestaggio post-match, a cui stavolta partecipa pure Jason, che inizia ad assaporare l’idea di poter competere per quel l’ECW Television Title, un possibile primo titolo nella sua carriera da lottatore/manager.

Nell’ECW TV #64, Mikey viene inconsapevolmente coinvolto nella faida Cairo/Sandman, riuscendo anche stavolta a confermarsi campione contro quest’ultimo, prendendosi però un bel colpo in fronte con il singapore cane. Nel corso della puntata abbiamo un nuovo ingresso nella stable di Jason, Chad Austin, che effettua un turn heel dopo essere stato apparentemente abbandonato dal pubblico nel corso del suo ultimo incontro e coglie l’invito del manager, credendo di poter far carriera sotto la sua ala protettrice. Mi preme sottolineare come lo stesso Austin abbia avuto, fino a quel momento, una carriera simile a quella di Whipwreck, non conquistando nessun titolo ma mettendosi sempre in mostra nonostante partisse spesso da sfavorito e riuscendo cogliere alcune importanti vittorie.

I due underdog si trovano subito faccia a faccia nell’evento successivo, Heat Wave, con il titolo TV in palio.
ECW Television Title Match: Mikey Whipwreck (c) vs. Chad Austin (w/Jason)

Il match, in sé, non è un granché, soprattutto perché i due non sono dei lottatori dalla tecnica sopraffina (in alcuni casi sporchi nell’esecuzione e tendenti al botch), ma ne consiglio lo stesso la visione poiché in questo caso ha grande importanza lo storytelling. Non c’è un Mikey che subisce in lungo ed in largo: l’avversario, stavolta, è alla sua portata, ed il campione tira fuori tutto il proprio arsenale per aver ragione dello sfidante in modo pulito, senza che l’incontro termini con la consueta squalifica. Dall’altra parte, però, abbiamo comunque un altro giovane affamato di vittorie, che cerca di riabilitarsi come lottatore dopo le ultimi batoste subite (soprattutto il violento squash contro Sabu) e mettere in bacheca un prestigioso titolo, anche se questo fa molta più gola al manager che lo assiste. Il finale è un po’ brutto e costruito male, ma conferma il trend di tutte le difese titolate, con un’altra decisione rigirata dall’arbitro ed il duro pestaggio post-match ad opera soprattutto di Jason, sempre più convinto delle proprie armi per conquistare la cintura.

[2.3] The Sexiest Challenger on Earth

(consiglio di cliccare sui link degli episodi, perché da Heat Wave in poi hanno anche il supporto video, per non accontentarsi solo del report)

Nell’episodio ECW TV #65 Mikey consegue un’altra vittoria per squalifica contro Sandman, mantenendo nuovamente il titolo (e nel post-match c’è il preludio un’altra grande rivalità made in ECW, di cui presto mi occuperò), ma un pericolo più grande si sta profilando all’orizzonte e si palesa nell’episodio successivo, ECW TV #66, quando Jason viene nominato ufficialmente nuovo #1 Contender all’ECW Television Title. Nel corso della stessa puntata abbiamo anche la prima vittoria in ECW del manager, adesso anche lottatore (in realtà la sua carriera parte come wrestler), quando approfitta del lavoro sporco di Rockin’ Rebel per aver facilmente ragione di Hack Myers, nel corso di un Six Man Tag Team Match. Da notare anche l’annuncio della stipulazione del prossimo match per l’ECW Television Title: un incontro che non potrà essere fermato (e quindi non avremo la classica vittoria per DQ).

Jason dimostra di essere focalizzato al massimo sul suo obiettivo e continua con i suoi assalti anche nella puntata successiva (ECW TV #67), attaccando Mikey al termine di un’ulteriore difesa titolata, contro Steve Richards (è proprio Jason a far terminare il match tramite squalifica la squalifica dello sfidante). Nel corso dello stesso episodio, il manager sconfigge un altro presunto underdog, Keith Sherer, sempre grazie all’aiuto della sua stable, provando a tutti di essere pronto alla sfida. Non è da meno neanche Mikey, il quale gli risponde per le rime nella puntata seguente, ECW TV #68, mostrandosi innanzitutto frustrato per l’andamento del proprio regno titolato e pronto a farla pagare allo sfidante, mostrando finalmente un po’ di carattere e la giusta determinazione nel promo eseguito: una svolta interessante nel personaggio timido e impaurito mostrato fino a quel momento.

Arriviamo quindi alla resa dei conti, al match “che non può essere interrotto” di Hardcore Heaven:
ECW Television Title Match: Mikey Whipwreck (c) vs. Jason

L’incontro, pur non essendo eccelso, racconta una buona storia: niente più Mikey sottomesso, in quanto il campione lotta alla pari con l’avversario; quest’ultimo inizialmente lo sottovaluta, rendendosi ben presto conto che nelle ultime settimane ha risvegliato l’indole guerriera dell’underdog. Nonostante la determinazione del campione, c’è sempre Jason in controllo, il quale spesso pecca di presunzione, cosa che Whipwreck cerca più volte di sfruttare a suo favore (es. gli innumerevoli roll up o quando cerca di fregarlo accusando un colpo mai preso). Il finale è molto brutto, devo dire, in quanto crea tanto caos per una vicenda che doveva concludersi in modo deciso e netto: due schienamenti consecutivi (il primo a favore del campione, il secondo a favore dello sfidante grazie all’intervento dei Pitbulls), con l’arbitro che alla fine opta per il passaggio del titolo e per la sconfitta di Whipwreck.

Alla fine, quindi, Jason riesce nel suo intento e conquista l’agognata cintura. La faida si conclude così, dato che i due separeranno le loro strade (Whipwreck verso il tag team con Cactus Jack, Jason verso le difese del titolo TV). Per la cronaca c’è da segnalare il rematch titolato, avvenuto un mese dopo (ECW Hardcore TV #76), che si conclude con la conferma del campione grazie all’intervento dei Public Enemy (rivali in quel momento della coppia formata da Jack & Mikey).

Questo è solo il primo capitolo della storia di Mikey, un ragazzo che in pochi mesi, dall’essere un debole e timoroso rookie, si trasforma in un wrestler coraggioso e pronto a scontrarsi con avversari più preparati di lui; la rivalità con Jason è solo il primo tassello di questo cambiamento, a cui contribuirà in maniera decisa un altro grande personaggio di quella ECW, Cactus Jack, capace di infondere in Whipwreck quella dose di fiducia necessaria a farlo crescere. Ma di questo ci occuperemo nella seconda parte….

(un ringraziamento particolare per l’aiuto a Y2J Paguro)

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: